Costiera amalfitana il percorso migliore

Costiera amalfitana il percorso migliore

Uno dei viaggi su strada più famosi del mondo è quello che si può effettuare sui 50 chilometri della Costiera Amalfitana (conosciuta anche come SS163) è probabilmente in cima alla lista delle principali attrazioni italiane. I turisti stranieri che vengono per la prima volta in Italia spesso di fermano a Roma per 3 o 4 giorni e poi si spostano verso sud per visitare Amalfi e i luoghi sconosciuti di Napoli.
Scavata in falesie già tagliate da profondi burroni, la strada si innesta in alto sul Mar Tirreno in una serie di panorami mozzafiato e curve delimitate da montagne quasi verticali che si ergono da un lato e dall’altro invece ci sono lunghe cadute verticali.
Potete percorrerla con la vostra auto, con una che avete preso in affitto, oppure se volete godervi il panorama c’è anche l’autobus. Corrono frequentemente e si fermano nelle città, quindi puoi scendere, guardarti intorno, fare una nuotata, prendere un caffè , pranzare e tornare su un autobus più tardi. A seconda della sezione del percorso, gli autobus SITA partono ogni ora o due. La città di Amalfi è il punto di sosta migliore, soprattutto per i viaggiatori che si prendono due giorni per il viaggio. Una cosa da ricordare: se vai in autobus, procedi da ovest verso est, iniziando a SORRENTO e cerca un posto vicino al finestrino sul lato destro del bus. Se stai guidando, vai da est a ovest, così sarai sulla corsia interna.
Un altro modo per vedere questa costa è quella di percorrerla a piedi. Passeggiate, scalinate in pietra e antiche mulattiere si snodano lungo la costa, e camminerai tra boschi, limoneti, fiori selvatici e piccoli paesi, con una vista quasi costante sul mare. In qualsiasi momento, puoi fermarti a fare foto, a mangiare o semplicemente a goderti la vista. La sezione più bella del sentiero è il Sentiero degli Dei, all’estremità occidentale da Positano. Numerosi allestitori organizzeranno trasferimenti di alloggio e bagagli per escursionisti indipendenti o potranno partecipare a un tour di gruppo di una settimana.

Positano è la città più occidentale della Costiera Amalfitana ed è famosa per il suo lifestyle, per la moda e per gli yacht ancorati nelle vicinanze. È facile capire l’attrazione di Positano quando vedi le sue case pastello drappeggiate di fiori che rotolano giù per la ripida collina fino alla spiaggia. Sono stupende! Oltre alla chiesa duecentesca di Santa Maria Assunta , con la sua cupola di maioliche e l’icona bizantina di una Madonna nera (portata qui dai pirati, secondo la leggenda), le uniche cose da vedere sono le strette viuzze vicino al porto e possibilmente le celebrità sedute nei caffè. Ci sono più cose da fare in spiaggia, dove è possibile noleggiare barche a remi, pedalò, barche a vela, motoscafi, o imbarcarsi per una crociera lungo la costa fino a Capri . Appena ad est di Positano è altrettanto alla moda Praiano, con una chiesa a cupola, e poco oltre, la strada attraversa la gola profonda e drammatica del Vallone di Furore.

Vicino al villaggio di Conca dei Marini, scale e un ascensore scendono verso una grotta marina, la GROTTA DELLO SMERALDO. Ci si potrebbe chiedere come mai una grotta marina abbia avuto stalattiti, la risposta è che non era sempre al livello del mare. La grotta si è formata più in alto, ma l’attività vulcanica della regione (non sei così lontano dal Vesuvio) ha cambiato il livello del mare e del terreno e ha messo la grotta dove il mare poteva entrare. Come la Grotta Azzurra di Capri, la luce del sole splende attraverso l’acqua la fa sembrare come se fosse illuminata dall’interno, in questo caso in un bagliore verde smeraldo. L’acqua è così chiara che è possibile vedere fino in fondo. Le barche aspettano all’ingresso della grotta per portarti dentro, una barca per la grotta dalla spiaggia di Amalfi, a circa 15 minuti di viaggio.
oppure puoi preDa Atrani, appena ad est di Amalfi, una strada tortuosa (SS 373) sale attraverso aranceti fino a Ravello, un centro storico che si trova in una splendida posizione che si affaccia sul mare dall’orlo della profonda Valle del Dragone. I giardini lussureggianti, che un tempo circondavano le sue ville, ora sono parchi, ognuno con un punto di vista migliore del precedente.
Ci si può chiedere come mai ci siano così tante chiese in una città così piccola, ma come Amalfi, una volta il paese era molto più grande. Nel suo periodo di massimo splendore del 13 ° secolo, aveva una popolazione di 36.000 abitanti, con chiese, monasteri, ville e palazzi. Nella chiesa di San Giovanni del Toro del XII secolo , rimaneggiata in stile barocco, si trova un pulpito a mosaico decorato con maioliche persiane; nella cripta ci sono affreschi di scene della vita di Cristo. Nel centro della città si trova la cattedrale romanica di San Pantaleone , iniziata nel 1086 e anch’essa ristrutturata in stile barocco, e come le chiese di Amalfi e Atrani, le sue porte in bronzo furono gettate a Costantinopoli. All’interno ci sono due pulpiti in marmo, entrambi intarsiati in modo intricato. Uno ha disegni di creature mitiche e scene bibliche. Puoi tornare indietro ad Amalfi sul Sentiero Atrani , una lunga e ripida scalinata che si snoda tra alberi di limoni e panorami mozzafiato.
Andate anche a visitare VILLA RUFOLO. La torre di pietra grigia di fronte alla cattedrale è la porta di una villa i cui giardini e le sue viste sulla terrazza hanno ispirato il magico giardino di Wingser di Klingsor a Parsifal . La villa fu costruita nel 13 ° secolo come casa / fattoria fortificata e continuò a crescere con le generazioni successive fino a quando non ebbe la fama di avere più di 300 stanze .La parte più antica che rimane è la torre di guardia in pietra di 30 metri. Nel XVIII secolo fu aggiunto un chiostro neo-moresco e nel XIX secolo i giardini furono trasformati in giardini romantici. La maggior parte degli edifici sono ora in rovina e sono incorporati come elementi del giardino. Porzioni restaurate sono utilizzate per mostre d’arte, e i terreni sono teatro di concerti e di un eccezionale festival musicale estivo con artisti e orchestre di fama mondiale.

I luoghi da visitare sono veramente tanti e spesso si gira nelle città come ubriachi, senza una meta. Per conoscere, immedesimarsi ed innamorarsi dei luoghi, della loro storia, delle loro tradizioni potresti prenotare un tour privato a Napoli. Scopri tutte le offerte dedicate ai tour in Tour Costiera Amalfitana.

LASCIA UN COMMENTO